Ott 21 2013

Rwanda Attualità – edizione ottobre 2013

Sommario:

Editoriale

  1. Il Parlamento europeo si pronuncia
  2. Elezioni: Paul Kagame forte in Ruanda
  3. Presidente ruandese criticato per il suo ruolo nella regione dei Grandi Laghi
  4. Giovani tormentati
  5. Colpevolizzazione collettiva degli Hutu
  6. HRW deplora acquisizione Liprodhor
  7. L’ ambasciatore britannico rende visita a Ingabire Umuhoza

 

 

EDITORIALE: MALGRADO TUTTO IL  SOSTEGNO CONTINUA

È noto che il sistema introdotto in Ruanda dal Fronte Patriottico Ruandese (FPR) del presidente Paul Kagame , dopo la sua vittoria militare nel luglio 1994, è un regime totalitario che imbavaglia l’opposizione, la stampa, la libertà di associazione e di espressione . Gli atti di intimidazioni, minacce e persecuzioni reiterate da parte della polizia e il DMI (Direzione del Intellegence militare), in complicità con il Consiglio superiore della stampa, i giornalisti e le misure restrittive adottate nei confronti della stampa dal governo ruandese in violazione della legge sulla stampa , sono di attualità.

I diritti umani vengono calpestati con un’arroganza confinante alla provocazione . Il genocidio ruandese è diventato per il Fronte Patriottico Ruandese (RPF), un ” fondo di commercio” inesauribile per raggiungere qualsiasi progetto macabro . Infatti il genocidio è messo al servizio di interessi di una minoranza al governo, ansiosa di stare lì a tutti i costi , ed è usato dal regime per

scopi politici di esclusione.

Una vera opposizione all’interno del paese che rivendica l’apertura dello spazio politico è visto come una minaccia ad una situazione che l’FPR dà per scontato , e cioè : il controllo totale della

Politica e della società ruandese.

La base del regime al potere in Ruanda si basa su tre pilastri considerati i monopoli , vale a dire :

a)      lo statuto  lo statuto del FPR come ” autorità morale ” ;

b)      lo statuto dei tutsi come “uniche ” vittime del genocidio ;

c)      lo statuto di hutu come ” criminali”.

Questi tre pilastri sono infatti la base di legittimità del FPR .

Inoltre, l’ interpretazione estensiva della ideologia di genocidio criminalizza l’espressione di opinioni dissenzienti . È su questa base che Umuhoza Ingabire è stato arrestata e condannata .

Attualmente , incomparabilmente più gravi di conseguenze , una manipolazione che consiste  a criminalizzare in blocco l’etnia Hutu minaccia il futuro della pace civile . Infatti una campagna il cui obiettivo principale è quello di spingere tutti i giovani Hutu a sentirsi , sempre e dovunque , colpevoli di genocidio , in altre parole, di sentirsi in colpa per i crimini commessi da altri hutu è in pieno svolgimento.

L’ etnismo contamina più che mai lo spazio pubblico ruandese senza che i dirigenti si oppongono . In effetti , la logica etnista rimane viva nei messaggi ufficiali di più alto livello . In questo contesto , la campagna di colpevolizzazione collettiva di Hutu è stato lanciato dallo stesso Presidente Paul Kagame il 30 giugno 2013 di fronte a centinaia di giovani.

Mentre il governo ruandese , in collaborazione con quello dell’ Uganda, continua a destabilizzare la Repubblica Democratica del Congo  con indicibili sofferenze : saccheggi , furti , uccisioni, sfollamento di oltre un milione di persone , povertà indescrivibile … il sostegno internazionale  continua a bloccare qualsiasi vera soluzione alla crisi congolese.


  1. IL PARLAMENTO EUROPEO SI PRONUNCIA SU VICTOIRE INGABIRE  UMUHOZA E SUL RISPETTO DEI DIRITTI UMANI IN RWANDA

Il 23 maggio 2013, una risoluzione d’urgenza coraggiosa ( 2013/2641- RSP) è stata adottata dal Parlamento dell’Unione europea nel contesto di discussioni su casi di violazione dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto relativi alla situazione in Ruanda . Ma ancora di più , questa risoluzione del Parlamento europeo ha messo in luce il processo il processo di cui è oggetto l’oppositore politico,Victoire Ingabire Umuhoza , una donna che trafigge con una luce il buio della lunga e tortuosa strada verso la democrazia e lo Stato di diritto in Ruanda . Qualche volta  è  stata  chiamata ”   Aung San Suu Kyi Africana”. Ingabire è una donna politica ruandese , presidente delle Forze Democratiche Unificate  (UDF ), una coalizione di partiti di opposizione in Ruanda . La risoluzione racconta il suo calvario in questi anni in Ruanda .

Dopo 16 anni di assenza dal paese, nel gennaio 2010, guardando  la situazione politica , ha deciso di lasciare l’Olanda e tornare in Ruanda e di candidarsi alle elezioni presidenziali. Mentre , come riconosce la dichiarazione dell’Unione europea , ” le attività politiche di Ingabire si sono concentrate , tra l’altro sullo stato di diritto , la libertà di associazione politica e l’autonomia delle donne in Ruanda ” , le autorità le hanno creato presto dei problemi e il suo partito non è stato registrato; gli altri partiti di opposizione subiscono la stessa sorte .

Nell’agosto 2010 , le elezioni sono state vinte con il 93 % dei voti dal Presidente uscente , Paul Kagame, leader del Fronte Patriottico Ruandese (FPR) . In Ruanda , sottolinea ancora la dichiarazione, ” il FPR rimane il partito politico dominante sotto il presidente Kagame e controlla la vita pubblica nel contesto di un sistema a partito unico in cui le persone che fanno le critiche alle autorità ruandesi sono soggette a molestie, intimidazioni e vengono messe in prigione . “

Il 14 ottobre 2010 , Victoire Ingabire è stata arrestata dalle autorità ruandesi con l’accusa, tra l’ altro, d’ideologia genocida ria  e di collaborazione con le Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda , il gruppo di opposizione armata che si trova soprattutto nella parte orientale della Repubblica democratica del Congo ( RDC ) .

” Il 30 ottobre 2012, Victoire Ingabire Umuhoza è stata condannata a otto anni di carcere , allorché due capi di accuse erano già prescritti e che era stata assolta da altri quattro capi di accusa .  E ‘ giudicata colpevole di cospirazione nel nuocere le autorità ricorrendo al terrorismo sulla base di suoi presunti legami con le FDLR e nel minimizzare il genocidio del 1994. ” Mentre l’accusa chiede l’ergastolo, è stata condannata in primo grado a 8 anni di carcere .

Il 25 marzo 2013, Vittoria prende la parola durante il suo processo d’appello e chiede un riesame delle prove . I deputati ritengono che l’accusa ” di ideologia di genocidio ” e “di divisionismo” fatto contro Ingabire illustra l’ intolleranza del governo ruandese riguardo al   pluralismo politico . ” Essi citano un altro esempio : ” Bernard Ntaganda , il fondatore di PS  ( partito Imberakuri) è stato condannato a quattro anni di reclusione con l’accusa di mettere in pericolo la sicurezza nazionale , “di divisionismo “e  di tentativi di organizzare manifestazioni  non autorizzate”

” Nel mese di aprile 2013 – continua il documento del Parlamento Ue – durante il suo  processo d’appello davanti alla Corte Suprema , quando è stata dichiarata  non colpevole di sei capi di imputazione dal pubblico ministero, è stata condannata sulla base di nuovi capi di imputazione non basati su documenti legali e che, secondo il suo avvocato , non sono state presentate durante il processo le due nuove accuse relative al negazionismo / revisionismo e alto tradimento ” .

 ” Nel maggio del 2013, dopo aver testimoniato contro Ingabire davanti all’Alta Corte ruandese nel 2012, quattro testimoni dell’accusa e un co- imputato hanno rivelato alla Corte Suprema che le loro testimonianze erano state falsificate . “

Nell’insieme, affermano gli eurodeputati, il processo iniziato nel 2011 , è considerato da molti osservatori, è un processo basato su ragioni politiche , ( … ) il diritto e il sistema giudiziario nazionale ruandese violano le convenzioni internazionali, in particolare il Patto internazionale sui diritti civili e politici  che il governo ruandese ha firmato 16 luglio 1997, e in particolare le sue

disposizioni in materia di libertà di espressione e di pensiero. “

” Dal 16 aprile 2012, la signora Ingabire boicotta il suo processo in segno di protesta contro le intimidazioni e le procedure illegali di interrogatori utilizzate contro alcuni dei suoi co-imputati , vale a dire gli ex membri di FDLR seguenti : il tenente colonnello Tharcisse Nditurende, il tenente colonnello Habiyaremye Natale , il capitano Jean Marie Vianney Karuta e il maggiore Vital Uwumuremyi e contro la decisione del Tribunale di accorciare l’audizione di un testimone per la difesa , la signora Kayitesi Claire , che accusa le autorità ruandesi di fabbricare le prove. “

Per gli eurodeputati ” il rispetto dei diritti umani fondamentali , tra cui il pluralismo politico e la libertà di espressione e di associazione sono soggetti a rigorose restrizioni in Ruanda , il che rende difficile il funzionamento dei partiti di opposizione e il lavoro dei giornalisti che vorrebbero esprimere opinioni critiche “.

Pertanto , il Parlamento europeo ha espresso la sua posizione, tra cui i seguenti punti:

  • esprime la sua profonda preoccupazione a proposito del processo in prima istanza di Victoire Ingabire che non rispettava le norme internazionali, prima di tutto per quanto riguarda il suo diritto alla presunzione di innocenza  e che si basava su prove fabbricate e confessioni di co- imputati messi in detenzione militare nel Campo militare Kami , dove sarebbe stato utilizzata la tortura per estorcere le suddette confessioni.
  • condanna fermamente la natura politicamente motivata del processo, la persecuzione di oppositori politici e il risultato deciso in anticipo del processo;
  • chiede al sistema giudiziario ruandese di garantire un giusto e rapido  processo d’appello alla Signora Victoire Ingabire, nel rispetto delle norme stabilito dalla legge ruandese e dal diritto internazionale ;
  • chiede all’Unione europea di inviare osservatori al processo d’appello di Victoire Ingabire ;
  • ricorda che le libertà di riunione, di associazione e di espressione sono componenti essenziali di ogni democrazia , e ritiene che tali principi sono soggetti a severe restrizioni in Ruanda ;
  • condanna ogni forma di repressione , intimidazione e la detenzione contro gli attivisti politici , i giornalisti e i difensori dei diritti umani;
  • chiede insistentemente alle autorità ruandesi di rilasciare immediatamente tutte le persone e tutti gli attivisti incarcerati o condannati per il solo motivo di esercitare i propri diritti alla libertà di espressione, di associazione e di riunione pacifica;al riguardo invita insistentemente le autorità ruandesi ad adeguare il diritto nazionale al fine di garantire la libertà  di espressione ;
  • esprime la propria preoccupazione in considerazione del fatto che 19 anni dopo che il FPR  ha preso il potere , e due anni dopo la rielezione del presidente Kagame , il Ruanda non abbia  ancora nessun partito politico di opposizione in esercizio;
  • invita le autorità ruandesi a garantire la separazione dei poteri amministrativo, legislativo e giudiziario , ed in particolare l’ indipendenza del sistema giudiziario , e a promuovere la partecipazione dei partiti di opposizione in un contesto di rispetto reciproco e di dialogo inclusivo in un percorso democratico ;
  • ritiene che la legge del 2008 sull’ideologia di genocidio usata per accusare Victoire Ingabire sia stata utilizzata come strumento politico per mettere a tacere le critiche contro il  governo;
  • sottolinea che, nel contesto di lavoro internazionale per lo sviluppo in Ruanda , una   priorità assoluta dovrebbe essere data ai diritti umani, allo stato di diritto e ad un governo trasparente e responsabile;
  • invita l’Unione europea , in collaborazione con altri donatori internazionali, ad esercitare una pressione continua per incoraggiare la riforma a favore dei diritti umani in Ruanda .

“Il 13 settembre 2012, Victoire Ingabire – e altre due figure politiche del Ruanda, Bernard Ntaganda e Mushayidi, tutti attualmente in prigione a Kigali – è stata nominata per il Premio Sakharov dal Parlamento europeo per la libertà di pensiero “, ricorda il documento.

 2.  ELEZIONI LEGISLATIVE: Paul Kagame, più forte che mai in Ruanda

Lunedi 16 settembre circa sei milioni di ruandesi votavano per i loro deputati di cui il mandato è di cinque anni. I Ruandesi erano chiamati alle urne per decidere tra 355 candidati ripartiti in quattro liste rappresentanti quattro partiti politici. In primo luogo , la coalizione formata dal Fronte Patriottico Ruandese ( FPR ) , il movimento del presidente Paul Kagame , e sei partiti presentava 80 candidati . Poi , il Partito Social Democratico ( PSD) , guidato dal l’attuale ministro della Pubblica Istruzione , con 64 candidati e il Partito Liberale ( PL ) , il cui leader è il ministro dello sport , con 62 .

Il PS- Imberakuri partecipa per la prima volta alle elezioni parlamentari , anche se il partito è privato del suo leader, Bernard Ntaganda , incarcerato dal 2010 per reati contro la sicurezza dello Stato e di ” divisionismo ” . In seguito alle divisioni interne, il partito sarebbe rappresentato dai lealisti vicini a FPR . Solo quattro candidati correvano come indipendenti . Il Presidente dell’Assemblea Nazionale viene dalla maggioranza presidenziale.

 I risultati

Il tasso di partecipazione è stato del 97,5 % . Secondo i risultati definitivi annunciati il 16 settembre dalla Commissione Elettorale Nazionale ( NEC ) , una coalizione dominata dal FPR ottiene 76,22 % dei voti espressi . Raccoglie 4.439.948 voti su 5.825.483 voti espressi , ha annunciato il segretario esecutivo della NEC , Charles Munyaneza . Molto dietro arrivano il PSD e il PL accreditati rispettivamente di 13,03 % e di 9,29 % dei voti . Le schede elettorali  bianche  o annulate rappresentano solo lo 0,96% . È richiesto un minimo di 5 % di voti per entrare alla Camera dei Deputati .

Siamo in presenza di una opposizione che esiste a malapena

I partiti sono stati autorizzati a impiantarsi su tutto il territorio e a fare campagna sei mesi fa.

L’opposizione è implicitamente escluso dal processo democratico … Il partito democratico dei Verdi, che è stato autorizzato in data 9 agosto 2013 ( tre giorni prima della data limite per la presentazione di candidature) , ha preferito ritirarsi dalla corsa, dicendo di non avere  tempo per la campagna . Un altro motivo può essere il fatto che , nel 2010 , il vice- presidente del partito , André Kwasa Rwigereka è stato trovato decapitato … Forze democratiche unificate ( UDF ) , guidate da Victoire Ingabire , imprigionata dal suo ritorno dall’esilio nel 2010 , sono ancora vietate .Il  PDP Imanzi , nonostante i ripetuti tentativi , non è riuscito a farsi registrare . Inoltre , il suo presidente , Deo Mushayidi è anche lui in carcere .Bisogna dire che il regime del presidente Paul Kagame ha dimostrato la sua efficacia nel controllare la scena politica nazionale sicché il FPR perpetua  una forma democratica di partito unico grazie alla coalizione messa in atto. In ogni modo, queste elezioni presentavano tutte le apparenze di umna democrazia nel contesto di multipartitismo … di facciata .

Fin dall’inizio della campagna elettorale , segnali inquietanti delle derive autoritarie erano evidenti . Per l’opposizione ostracizzato , questo si traduce in difficoltà a fare la campagna elettorale , molti ostacoli per la registrazione dei candidati , l’impossibilità di fare delle critiche  durante i rari dibattiti pubblici e soprattutto le minacce contro i leader dell’opposizione quando non sono messi in carcere oppure i loro partiti interditi …

Quindi il risultato elettorale, anche se è approvato dalla Commissione elettorale – sono state osservate solo poche irregolarità marginali –  non conferisce un carattere democratico all’evento in quanto i partiti presenti tutti satelliti del FPR . Donde molti osservatori hanno subito ammesso che lo scrutinio non valeva la pena.

Commenti

“La popolazione è totalmente depoliticizzata. Se l’affluenza è alta [ 97,5 % ] , è che tutti sono schedati. Ciò che spinge la popolazione ad andare persone a votare è la paura . In questa situazione non si può parlare di plebiscito del potere ” , dice un ricercatore presente a Kigali . Bisogna dire che il comportamento brutale di Kagame , che surveglia tutto e tutti – a tal punto che anche la strada evoca ” occhio onnisciente di Kagame ” – ha generato tensioni anche all’interno del FPR.

Una autorità ruandese di passaggio a Parigi ha riconosciuto con dispetto che ” si presume che Kagame sia un uomo forte , ma non si può rispettarlo perché non si è mai comportato come un capo di Stato . È sempre stato un capo del Servizio di Sicurezza , carica che ha ricoperto in Uganda in gioventù . Finalmente è temuto per quello che è realmente. ” Un uomo forte, che non può fare a meno di queste elezioni per mostrare a tutti – anche all’interno del suo partito – la sua dominazione senza pari.

“Le legislative erano l’occasione di vedere se ci fossero delle crepe nel FPR e quindi un possibile cambiamento di regime in ultima analisi, spiega un analista di politica per la regione africana dei Grandi Laghi. Ciò che emerge è un rafforzamento del regime di Kagame e di se stesso ” . L’importanza di queste elezioni è prima di tutto preparare la scadenza del 2017 . Paul Kagame sarà alla fine del suo secondo mandato come presidente e  potrà ricandidarsi a condizione di modificare la Costituzione.  E per questo ha bisogno di un  Parlamento dedito alla sua causa.

Siluramento

Se il 9 febbraio, Kagame ha annunciato in una riunione del Consiglio Direttivo del FPR di   non volere rappresentarsi precisando però che appartiene al popolo ruandese a decidere questa proposta [ per un terzo mandato ] . Non posso fuggire di fronte  alle mie responsabilità . “

“Ognuno si fa delle domande per il 2017, riconosce un universitario. Oppure Kagame si ripresenta, questo è lo scenario che vogliono i giovani tecnocrati perché lo idolatrano e grazie a lui che sono attualmente nelle sfere del potere. Gli storici da sostituire con questa  nuova generazione , preferirebbero, la partenza di Kagame per evitare un sistema alla Museveni [ presidente dell’Uganda dal 1986 ] o Mugabe [ Presidente dello Zimbabwe dal 1987 ]. Si potrebbe finalmente muoversi verso un modello con caratteristiche cinesi . Come per Deng Xiaoping , l’ uomo forte di Kigali potrebbe mantenere il commando dell’esercito e dare piano piano il potere politico a un altro ” .

Di fronte al silenzio di Paul Kagame , ciò che è certo è che vale meglio porsi delle domande piuttosto che prendere la parola. Il 24 maggio , il ministro della Giustizia Tharcisse Karugarama lo ha capito a sue spese. A seguito di un colloquio con il Guardian , dove  aveva augurato che il presidente non si ripresentasse – secondo la Costituzione – il Generale Maggiore, Paul Kagame gli ha fatto sapere che è stato licenziato.

 

3. IL PRESIDENTE DEL RUANDA CRITICATO PER IL SUO RUOLO NELLA REGIONE

Performance budgetarie e  destabilizzazione della RD Congo

Il Presidente ruandese si basa su un bilancio economica piuttosto lusinghiero (8,2 % di crescita media annua nel corso degli ultimi cinque anni ) e l’applicazione del buon governo sostenuto da una lotta contro la corruzione gli conferisce la fiducia dei finanziatori internazionali. Però un rapporto importante per il Rwanda afferma che il paese trae più del 40 % del suo budget dall’aiuto internazionale.

  ” Gli aiuti internazionali sono meno condizionati più dalla buona governance che dal rispetto dei diritti umani. La democrazia non è una condizione necessaria per la sua concessione “, ricorda ricercatore indipendente, André Guichaoua.

 “La soglia che dimostra che il Ruanda ha bene utilizzato il suo bilancio 2011-2012 è del 99,9 %. Ma alcune sfide sono da sottolineare, come l’eccesso del bilancio del Ministero della Difesa “, ha osservato il capo della cooperazione all’Ambasciata tedesca , Sigr Jolke Oppewal , il 22 gennaio.

Ma dopo che l’ONU ha pubblicato, il 12 ottobre 2012, un rapporto di un gruppo di esperti indipendenti che dimostra che il Ruanda destabilizza il suo vicino , la Repubblica Democratica del Congo ( RDC ) , finanziando la ribellione del Movimento del 23 marzo ( M23) che combatte l’esercito congolese per il controllo del Kivu, provincie della Repubblica Democratica del Congo al confine del Ruanda e immensamente ricche di minerali, il presidente ruandese non può più essere preso in un esempio dall’Occidente nel dire che l’aiuto all’Africa non è uno spreco che un paese africano può diventare un esempio di sviluppo spettacolare ( dopo il genocidio del 1994 ) .

Congelamento de gli aiuti

Con queste manovre, Paul Kagame è caduto un po ‘ in disgrazia presso gli Stati che l’avevano sempre sostenuto finora. Il suo paese ha temporaneamente registrato il congelamento degli aiuti da parte di alcuni donatori – Paesi-Bassi, Regno Unito, Germania, Banca africana di di sviluppo. La sua reazione non si è fatta attendere  e in un’intervista a Jeune Afrique , il presidente ruandese ha denunciato il fatto che che gli aiuti sono utilizzati” come mezzo di controllo politico.”

Era quindi fondametale per Kagame di vedere il suo potere legittimato senza contestazione  alle urne al fine di potere fare pressione sulla comunità internazionale, in un momento in cui il Ruanda è molto criticato per il sostegno con uomini , armi, munizioni, dato al movimento ribelle M23 .

” Il Rwanda vuole sempre essere visto come  uno Stato assediato ( … ) .. La comunità internazionale si mostra indulgente , perché ci sono enormi interessi economici, soprattutto sui minerali “da difendere,  ha dichiarato un alto funzionario dell’ONU.

Borsa di  materie prime

Il 23 gennaio 2013 , al margine del Forum di Davos , Paul Kagame, in pieno scandalo sul suo presunto coinvolgimento nella destabilizzazione della Repubblica Democratica del Congo , annunciava, con accanto  Jendayi Frazer , ex Assistente Segretario di Stato per gli affari africani sotto l’amministrazione di George W. Bush, l’istituzione a Kigali nel terzo trimestre del 2013 di una borsa di materie prime dell’Africa dell’Est ( EAX ).

L’obiettivo , messo avanti dai promotori è di aumentare la trasparenza dei mercati di prodotti della regione dei  Grandi Laghi e di sviluppare mercati a termine in Africa orientale. Per Bienvenue-Marie Bakumanya, giornalista congolese del Potentiel , “la creazione di questa borsa permette prima di tutto al presidente ruandese di aggirare la legge Dodd-Frank del 2010 sul commercio di minerali della zona di conflitto nella RDC . E’ un tentativo di legalizzare il traffico delle risorse naturali della Repubblica Democratica del Congo ” .

Con fermezza e sicurezza, fra  pressioni militari e opportunità economiche, Paul Kagame , per calmare le acque , fa dell’EAX  un argomento diplomatico . ” Utilizza la borsa di materie prime come un elemento chiave per la stabilità della regione e l’inizio della pace possibile con la Repubblica Democratica del Congo , sintetizza uno specialista della Regione. Ciò permetterebbe soprattutto di legalizzare il frafico organizzato dal Ruanda e di perpetuare  le tasse sui minerali. In questo gioco, deve mostrare anche la sua potenza all’interno del proprio paese . “E’evidente che la posta in gioco va ben al di là della sola scena politica ruandese .

 

4.      UNA GIOVENTÙ PERSEGUITATA

 

Perseguiti per perseguire

La Global Campaign for Rwandan Human Rights (GCRHR) ha accusato il capo del governo del Fronte Patriottico Ruandese (FPR) di usare la paura e la destabilizzazione psicologica nei confronti dei giovani. Nel suo rapporto « Harcelé pour harceler au nom de la dignité » (Perseguito epr perseguire in nome della dignità), pubblicato il 19 aprile scorso, l’ONG dichiara che il governo ruandese e i servizi di sicurezza “forzano i giovani a partecipare a delle attività allo scopo di aiutare il governo a promuovere la propria immagine e a controllare il suo popolo”.

Il GCRHR dice di aver scoperto e catalogato “diversi metodi utilizzati dai leader del FPR al fine di costringere i giovani a prendere parte a diverse attività, il che provoca una paura estrema delle autorità e una destabilizzazione psicologica”. In tal modo, il FPR starebbe tentando di mettere in sicurezza il suo potere politico e “ridurre al minimo ogni pericolo di una sua sostituzione“, indica il rapporto.

Il rapporto ha raccolto diverse interviste di testimoni e vittime che affermano che i servizi di sicurezza nazionale di informazione ruandese (NISS) e il partito FPR al potere “costringono i giovani a partecipare ad attività miranti a cambiare e plasmare le loro convinzioni circa il regime FPR”  Il loro [ del Niss e del FPR ] obiettivo essendo quello di ” dipingere e costruire un’immagine positiva del paese a livello internazionale e spiare il loro stesso popolo “.

Le ricerche condotte dal GCRHR affermano che i giovani che sono stati coinvolti nella formazione obbligatoria di due mesi chiamata “educazione civica” destinata agli studenti delle Scuole superiori, sono stati colpiti da un’”angoscia profonda e uno scoraggiamento che li spingono a vivere in un estremo timore delle autorità“. Inoltre, la maggior parte dei partecipanti ha anche segnalato di aver subito una “destabilizzazione psicologica ” dopo l’esperienza.

Nei campi di BUSOGO, nella provincia del Nord, si segnala che i giovani sono raggruppati in base ai loro “background o origini etniche“. La formazione data al gruppo tutsi parla dell’unificazione, del patriottismo e del controllo di quelli “che sono inclini a commettere un genocidio“. Nel gruppo hutu, il messaggio è che tutte le opinioni, le idee, secondo cui il FPR avrebbe commesso dei crimini contro gli Hutu sono considerate come una negazione del genocidio e, se questo accade, ciò dovrebbe essere segnalato e trattato dalla legge “di conseguenza”. Inoltre, una persona con tali credenze o chi suggerisce che “molti Ruandesi sono imprigionati illegalmente o assillati dalle autorità ” è un nemico dello Stato.

Per i giovani che hanno sperimentato questi campi (nelle mani delle autorità del FPR, degli agenti e dei militari), sia personalmente, sia tramite un membro della famiglia o amici intimi, questi campi insegnano loro e li costringono a pensare idee diverse da quelle che hanno; quest’esperienza lascia in loro una profonda sofferenza. Sono stati riferiti diversi casi di depressione nervosa, di suicidio e tentato suicidio fra i giovani che hanno partecipato a questi campi “, dichiara il rapporto.

 

Il reclutamento per i ribelli nella RDCongo

I ricercatori di GCRHR hanno anche constatato che i campi sono utilizzati come bacino di reclutamento per la formazione di gruppi ribelli nell’est della RDCongo. “Ci sono stati casi di scomparsa di giovani, dopo che avevano partecipato a campi di addestramento (…). Dal 2007, è un segreto di Pulcinella che questi giovani scomparsi sono stati inviati a raggiungere dei gruppi di ribelli in RDCongo, ribelli che sono sostenuti dal governo ruandese“. Un evaso dai gruppi armati nella RDCongo ha dichiarato al GCRHR che il FPR seleziona quelli che saranno inviati in Congo sulla base delle loro competenze linguistiche in lingua swahili, del livello d’istruzione raggiunto nella scuola secondaria e del loro status sociale.

 

Trasmettere idee

Le interviste avute con “gli antichi e attuali funzionari del governo ruandese” rivelano che la strategia del FPR è quella di mirare ai giovani di età compresa tra i 16 ei 30 anni, perché “questo gruppo d’età non ha conosciuto la guerra civile degli anni 1990, né il genocidio ruandese del 1994 o non l’hanno conosciuto che in tenera età“. Così, le loro convinzioni circa questi eventi sono più facili ad essere plasmate dall’educazione. Inoltre, questo gruppo d’età costituisce un grande potere politico, perché rappresenta il 40 % della popolazione ruandese e oltre il 60 % degli elettori.

GCRHR ha constatato che l’insegnamento dato a questa gioventù presa di mira, circa la storia del Paese e i suoi valori culturali, è in favore dell’”ideologia del FPR” che presenta la forza armata del partito come un leader eroico che “ha contribuito a rovesciare la cattiva e discriminante storia del Ruanda“. Quanti aderiscono a questa nuova convinzione “diventano i fan, i sostenitori o potenziali promotori e protettori dell’ideologia del FPR“. È da loro che le idee politiche del FPR vengono così trasmesse. Inoltre, coloro che mettono in dubbio o criticare “la minima idea dell’ideologia ufficialmente approvata” sarebbero “arrestati, perseguiti, emarginati, costretti all’esilio o scompaiono“.

 

Formazione di spie

Il rapporto menziona anche la formazione segreta di eletti “neodiplomati” di Nasho, nell’est del Ruanda. Gli studenti sono tenuti ad essere formati alla “metodologia militare di punta, di comunicazione e di persuasione, vari metodi per identificare un nemico dello Stato, e i metodi di spionaggio“. Al termine del programma di un anno, gli studenti sono impiegati dal governo “a diversi livelli“, in cui, tra l’altro, hanno il “compito speciale di sorvegliare segretamente i loro colleghi e produrre rapporti giornalieri o settimanali per la segreteria del FPR, al servizio delle informazioni militari (DMI) o al NISS“.

I ricercatori riferiscono inoltre di riunioni e di formazioni organizzate dalle ambasciate ruandesi e alti commissariati per i giovani della diaspora, compresi i titolari di borse di studio. “Durante delle formazioni, degli incontri e dei campi che sono organizzati nel quadro di questo programma, i giovani sono informati e guidati sulle varie attività e i metodi da utilizzare per soddisfare o contribuire al programma della gioventù diaspora e al programma dello studente. Essi sono inoltre tenuti a segnalare alle ambasciate e agli alti commissariati delle informazioni su ogni Ruandese che cerca asilo o rifugio nel paese in cui risiedono. E devono segnalare tutti i gruppi di opposizione e le loro attività

Basata a Londra, la Global Campaign for Rwandan Human Rights (Campagna globale per i diritti umani in Ruanda) vuole essere una “campagna internazionale per i diritti umani, creata per promuovere e sostenere i diritti umani di tutti i Ruandesi“. L’indagine di dieci mesi ha incluso un totale di 43 testimoni, la maggior parte dei quali appartenenti a una fascia d’età tra i 19 e i 35 anni ed è stata condotta al fine di “dipingere un quadro completo della situazione attuale in Ruanda per quanto riguarda i giovani“.

Per la raccolta dei dati, GCRHR ha intervistato “dei giovani che studiano e lavorano in Ruanda” come pure “dei giovani studenti internazionali beneficiari di diverse borse, stabiliti in Inghilterra e negli Stati Uniti“, e anche “dei giovani richiedenti asilo nel Regno Unito, in Belgio, Francia, ‘Irlanda e negli Stati Uniti “. Sono stati inoltre ascoltati degli antichi e degli attuali responsabili di governo. [1]

 

5.      COLPEVOLIZZAZIONE COLLETTIVA DEGLI HUTU

 

Il popolo ruandese non è alla fine delle sue pene

Dal 30 giugno 2013, la campagna mirante a convincere ogni giovane hutu di sentirsi, sempre e dovunque, colpevole dei crimini che sarebbero stati commessi da altri Hutu è in pieno svolgimento. Questa campagna è stata lanciata dallo stesso presidente Paul Kagame a Kigali il 30 giugno 2013 davanti a centinaia di giovani.

È stata l’iniziativa di un giovane “illuminato” di nome Edward Bamporiki che si presenta come un “artista e scrittore “, ma che alcuni percepiscono come un abile truffatore. Questo giovane adulto di 29 anni ha, infatti, fondato un’associazione “Youth Connect“, rapidamente individuata e sponsorizzata dalla “Imbuto Fondation“, una ricca fondazione creata e presieduta dalla First Lady stessa, Jeannette Kagame Nyiramongi. Sono dunque queste due associazioni che hanno organizzato l’incontro.

È in questa occasione che il “giovane” Edward Bamporiki ha esposto quella che ha definito la sua scoperta. Egli, che aveva 10 anni nel 1994, ha sostenuto di essere stato traumatizzato apprendendo più tardi di essere di origine hutu, quest’etnia che aveva commesso crimini efferati. Da allora, egli vivrebbe nella vergogna e nel rimorso ed è per questo che ha preso l’iniziativa di domandare perdono ai Tutsi per i crimini che gli Hutu hanno commesso, come una terapia che lo ha da allora curato. Perché, secondo lui, questi crimini sono stati commessi in nome degli Hutu, quindi tutti gli Hutu. Anche coloro che non hanno commesso crimini, anche quelli che non erano ancora nati, anche quelli che nasceranno in futuro… dovrebbero sempre sentirsi in colpa e chiedere perdono ai Tutsi.

Coloro che hanno sentito hanno inizialmente pensato a una seduta di trance deliranti, ma hanno poi capito quando Paul Kagame si è alzato in piedi e ha sostenuto l’idea di Bamporiki, dopo aver fustigato gli Hutu in generale, evocando storie assurde come quella di sua sorella che, negli anni ’60, avrebbe subito delle sedute pubbliche di umiliazione davanti alla sua classe, consistenti nel fatto di fare pressione sul suo naso per assicurarsi che il naso di un Tutsi non era costituito da un osso ! Questo, tuttavia, non è mai successo, come hanno testimoniato in seguito le vecchie colleghe di classe della signora Catherine April (Aprile), la sorella maggiore di Kagame, né à Byimana né alla Scuola sociale di Karubanda a Butare!

La riunione del 30 giugno 2013 è stato quindi un lancio, tramite Edward Bamporiki[2],, di una vasta campagna mirante a colpevolizzare “anche” la generazione hutu del 1994 che cominciava a sentire di non essere riguardata dai crimini del 1994.

E da allora, la stampa del FPR non smette di diffondere questa campagna di autoflagellazione della gioventù hutu. E ogni occasione è buona per ” predicare la buona notizia”, come sanno ben fare i “griot e pazzi del Re”, come Bonifacio Rucagu. In cambio, questi “Hutu di servizio” sono ben ricompensati. Il giovane avventuriero Edward Bamporiki stesso è stato messo sulla lista dei prossimi deputati del FPR che saranno installati dopo la farsa delle elezioni legislative in programma il 16 settembre 2013.

 

Reazioni indignate

Le reazioni non si son fatte attendere. Le formazioni politiche di opposizione (FDU-RNC, RDI-Rwanda, Rwiza,…) hanno fortemente protestato contro questa campagna di stigmatizzazione di una parte della popolazione da parte del regime del FPR che calpesta il principio elementare del diritto che stipula che la responsabilità è individuale in materia penale. Anche le organizzazioni della Società Civile (CLIIR, RiFDP,…) hanno unito le loro voci a questo coro di indignazione. Pure la temibile associazione Ibuka, che difende gli interessi dei sopravvissuti tutsi, ha, in un primo momento, preso le distanze da questa campagna prima di essere richiamata all’ordine e posizionarsi dietro il presidente Kagame e sua moglie in questa campagna di disumanizzazione degli Hutu.

 

Epifenomeno o un vasto progetto ?

Questa campagna è in perfetta linea con la realizzazione di un piano generale ideato dagli strateghi del FPR per l’eliminazione del potere e dell’avere degli Hutu, procedendo di generazione in generazione.

Da quando ha preso il potere nel 1994, il FPR ha lavorato per “eliminare” la generazione degli Hutu che erano allora in attività. Quest’eliminazione è ricorsa a tutti i mezzi: massacri pianificati (forni  crematori nel Parco nazionale Akagera, massacro di Kibeho, bombardamenti dei campi di rifugiati hutu dell’ex-Zaire, ecc.); Gacaca ( “quasi tutti gli Hutu maschi di età superiore a 14 anni nel 1994 sono stati giudicati!” ) [3], ecc. Insomma, quelli che non sono morti sono stati imprigionati, se non in Ruanda, nel mondo. Altri sono diventati dei paria infrequentabili o degli “zombi” e quindi improduttivi e di conseguenza politicamente ed economicamente inoffensivi. Il destino di questa generazione è dunque stato fissato.

Ora è il turno della generazione degli anni 1994 e successivi (tutti quelli che hanno meno di 30 anni). L’eliminazione “fisica” non è facilmente praticabile e non raggiungerebbe facilmente i suoi obiettivi senza causare delle reazioni. Non c’è problema ! Essa deve essere “moralmente eliminata” attraverso il processo psicologico chiamato self-fulfilling prophecy (profezia che si autoavvera), che consiste nel convincerli a considerarsi come criminali per il fatto di essere nati Hutu e che non hanno la vita salva e non sono in libertà che per la bontà dei Tutsi. Accadrà lo stesso fra una ventina d’anni, quando si tratterà di “eliminare” la generazione seguente, a meno che nel frattempo il FPR non abbia forse trovato un’altra astuzia o potrà ricorrere al modo più semplice e diretto, se le circostanze del momento glielo consentono. Chi dice “genocidio” ? [4]


6.      HRW DEPLORA LA PRESA DI CONTROLLO DELLA LIPRODHOR

Human Rights Watch (HRW) ha denunciato il cambiamento al vertice della Lega Ruandese per la Promozione e Difesa dei Diritti Umani (la LIPRODHOR). Secondo l’ONG di difesa dei diritti umani, un gruppo sospetto di essere favorevole al governo di Kigali avrebbe preso il controllo dell’organizzazione durante una riunione del 21 luglio, nel corso della quale un nuovo Consiglio di Amministrazione sarebbe stato selezionato in violazione delle norme della LIPRODHOR e della legge nazionale ruandese sulle ONG. Secondo HRW, si tratta di un tentativo di domare l’unica ONG ancora indipendente e nota per il suo coraggio nel denunciare gli abusi da parte dello Stato.

Il 24 luglio, l’Ufficio ruandese della Governance – l’ente governativo responsabile della supervisione delle organizzazioni non governative nazionali – ha inviato una lettera alla LIPRODHOR prendendo atto della decisione e riconoscendo il nuovo consiglio d’amministrazione, segnala una responsabile di HRW, Carina Tertsakian. “Il movimento nazionale dei diritti umani del Ruanda è stato quasi distrutto da una combinazione di intimidazioni, di minacce, di manipolazioni, d’infiltrazioni e da ostacoli amministrativi da parte dello Stato“, ha osservato HRW in un comunicato. “La maggior parte degli attivisti dei diritti umani più in vista sono fuggiti dal Paese. Le azioni del governo per mettere a tacere i gruppi di difesa dei diritti umani si iscrivono in una tendenza più generale d’intolleranza alla critica, che si estende ai giornalisti indipendenti e ai partiti di opposizione“, continua l’ONG. La LIPRODHOR era l’ultima organizzazione nazionale efficace e indipendente di difesa dei diritti umani in Ruanda, ha deplorato la signora Carina Tertsakian[5].

 

8. L’AMBASCIATORE BRITANNICO RENDE VISITA ALLA SIG.RA VICTOIRE INGABIRE

Mercoledì 18 settembre 2013, l’ambasciatore britannico accreditato a Kigali ha reso visita, nella prigione centrale di Kigali, alla signora Victoire Ingabire Umuhoza, Presidente del FDU- Inkingi, prigioniera politica da tre anni e in attesa del giudizio in appello.

Nel corso del colloquio, i due interlocutori hanno evocato la situazione politica in Ruanda, dominata dalle ultime elezioni legislative, alle quali a nessun vero partito di opposizione è stato permesso di partecipare.

Le elezioni sono state seguite da una caccia alle streghe che è culminata in una quarantina di arresti tra le file degli studenti, dei tassisti e dei membri dell’opposizione accusati di sostenere le rivendicazioni di questi ultimi.

I due interlocutori hanno anche parlato della situazione nella Sub-regione dei Grandi Laghi, segnata dalla recrudescenza dei combattimenti tra l’esercito congolese e i ribelli dell’M23, supportato, secondo le Nazioni Unite, dal Ruanda.

La signora Victoire Ingabire Umuhoza ha colto l’occasione per chiedere all’ambasciatore britannico d’intercedere presso il suo governo perché accompagni con più fermezza il processo di democratizzazione delle istituzioni politiche ruandesi.[6]

 

(… ) Il 48° anniversario dell’indipendenza del nostro Paese arriva nel momento in cui il nostro Paese sta vivendo i momenti più difficili della sua storia. Momenti difficili caratterizzati dalla confisca dei diritti e delle libertà fondamentali, dall’oppressione in tutte le sue forme, dalle incarcerazioni arbitrarie, dalle uccisioni… I nostri antenati, a cui rendiamo un vibrante omaggio oggi e che hanno difeso i loro diritti e libertà, devono servirci da esempi e incoraggiarci a continuare a esigere il ripristino dei nostri diritti e libertà. Inoltre, la storia dei popoli di tutto il mondo è sempre lì a insegnarci che ogni popolo che lotta per i suoi diritti e libertà fondamentali finisce per acquisirli. Conserviamo anche la speranza che ci obbliga ad andare fino in fondo; impegniamoci a unire tutte le nostre potenzialità con coraggio e abnegazione fino alla vittoria totale e irreversibile della democrazia, dello Stato di diritto, dell’unità nella diversità, della giustizia equa e della riconciliazione, della pace e dello sviluppo duraturo nel nostro Paese. (… )

 Victoire Ingabire Umuhoza, 1° luglio 2010,

in occasione del 48 ° anniversario dell’indipendenza del Ruanda

 


[1] Jane Nishimwe, 30 maggio 2013, Stralci. Versione originale in inglese di Jane Nishimwe, tradotta da Arlette Ngoboka. Jambonews.net

[2] La strumentalizzazione del giovane Bamporiki non può ingannare nessuno. La filosofia del FPR che considera tutti i bambini hutu come imbevuti della famosa « ideologia del genocidio » è una costante. La deputata Rose Mukankomeje ha dichiarato un giorno: « I bambini hutu hanno succhiato l’ideologia del  genocidio nel seno delle loro mamme». Il presidente Kagame stesso, in un’intervista al settimanale Jeune Afrique, ha dichiarato che i bambini hutu con un’ideologia del genocidio » (JA n° 2302 dal 20 al 26 febbraio 2005).

[3] «Tra 1,2 e 1,5 milioni di persone sono state giudicate per crimini di genocidio o ideologia genocida. Se si considera questa cifra nel quadro globale della popolazione, si può dire che la quasi totalità degli Hutu maschi che avevano più di 14 anni nel 1994 è stata giudicata! In queste condizioni, è forse stata resa giustizia? Non è forse essa stessa suscettibile di essere tassata come giustizia etnica ? Non ha forse introdotto una globalizzazione sui colpevoli di genocidio, facendo di tutta un’etnia, un popolo genocida ?» (André Guichaoua, intervista al lejdd.fr, il 7 aprile 2010).

[4] Da Jane Mugeni 08/08/2013. Stralci.

[5] Sig.ra Carina Tertsakian, Voice of America (Washington, DC)15.08.2013

[6] FDU-Inkingi/  Boniface Twagirimana, Vice-Presidente ad interim / 19.09.2013