«

»

Mag 25 2012

Stampa Articolo

Il Presidente della Conferenza Episcopale della Repubblica Democratica del Congo chiede regole rigorose sul controllo dei “minerali di guerra”

Agenzia Fides – 19/05/2012

 

“Sostenete regole ferme sulla trasparenza delle compagnie minerarie che operano nel mio Paese”. È l’appello lanciato da Sua Ecc. Mons. Nicolas Djomo Lola, Vescovo di Tshumbe e Presidente della Conferenza Episcopale della Repubblica Democratica del Congo, di fronte al Congresso degli Stati Uniti.

Mons Djomo Lola ha testimoniato di fronte alla sottocommissione servizi finanziari della Camera sulla politica monetaria internazionale e del commercio. La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) ha sponsorizzato l’audizione di Mons. Djomo Lola, che rientra nell’ambito della discussione parlamentare sui costi e le conseguenza della legge 111-203, il cui articolo 1502 introduce delle norme per impedire la commercializzazione dei minerali che finanziano i gruppi armati congolesi (vedi Fides 4/8/2010). La normativa stabilisce che le imprese statunitensi che sono registrate presso la SEC (l’autorità di controllo della Borsa americana) dovranno dichiarare se utilizzano dei minerali che sono presenti allo stato naturale nelle zone di conflitto della RDC o in Paese vicino. In questo caso dovranno inviare alla SEC un rapporto sui provvedimenti da loro attuati per stabilire l’origine e la tracciabilità di questi minerali. Le audizioni congressuali sono volte a stabilire la validità delle norme attuative delle legge, proposte dalla SEC.

“Parlo non come un uomo d’affari o un esperto finanziario, ma come un leader religioso che è profondamente turbata dalla terribile violenza e la sofferenza che ha dominato la vita nel Congo orientale dal 1996,” ha affermato Mons. Djomo Lola. “Questa violenza ha distrutto famiglie, villaggi e comunità. Una delle principali motivazioni della violenza è lo sfruttamento illecito dei minerali attuato dai diversi gruppi armati nel Congo orientale”.

Secondo il Catholic Relief Service (CRS), che ha coordinato il viaggio di Mons. Djomo Lola negli USA, il Presidente della Conferenza Episcopale congolese ha espresso la speranza che la Securities and Exchange Commission (SEC) pubblicherà regole rigorose per garantire che le imprese e i consumatori non partecipano, inavvertitamente o meno, ad commercio che ha portato alla sofferenza ed alla morte di migliaia di persone..

“La Chiesa in Congo confida che la comunità imprenditoriale può e si unirà a noi per proteggere la vita e la dignità umana del popolo congolese, conducendo un commercio internazionale rispettoso delle regole, trasparente e responsabile. Siamo sicuri che non vogliono contribuire alla miseria che ha afflitto il Congo orientale per anni” ha concluso Mons. Djomo Lola. (L.M.) (Agenzia Fides 19/5/2012)