«

»

Lug 05 2011

Stampa Articolo

Rapporto Mapping dell’Onu sui crimini in RdCongo: 6^ uscita

ALTO COMMISARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I DIRITTI DELL’UOMO.
Repubblica Democratica del Congo, 1993-2003.

RAPPORTO DEL PROGETTO MAPPING SULLE PIÙ GRAVI VIOLAZIONI DEI DIRITTI DELL’UOMO E DEL DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO COMMESSE TRA MARZO 1993 E GIUGNO 2003 SUL TERRITORIO DELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO.
Agosto 2010.

SOMMARIO:

SEZIONE I. – CAPITOLO II.

LUGLIO 1996 – LUGLIO 1998: PRIMA GUERRA E REGIME DELL’AFDL

C. ATTACCHI CONTRO LE ALTRE POPOLAZIONI CIVILI
1. Nord Kivu
2. Sud Kivu
3. Kinshasa

Nella loro avanzata verso Kinshasa, oltre ai rifugiati, i soldati dell’AFDL/APR avrebbero ucciso anche molti Banyarwanda hutu. Essi avrebbero eliminato anche molti civili sospettati di aiutare gli ex-FAR/Interahamwe e i rifugiati hutu ruandesi in fuga.

SEZIONE I. – CAPITOLO II.

LUGLIO 1996 – LUGLIO 1998: PRIMA GUERRA E REGIME DELL’AFDL

C. ATTACCHI CONTRO LE ALTRE POPOLAZIONI CIVILI

269. Durante la loro fuga, i membri dei diversi servizi di sicurezza del presidente Mobutu e gli ex-FAR/Interahamwe avrebbero ucciso molti civili e commesso stupri e saccheggi. Durante la loro avanzata verso Kinshasa, oltre ai rifugiati, i soldati dell’AFDL / APR avrebbero ucciso molti Banyarwanda hutu e eliminato molti civili sospettati di aiutare gli ex-FAR/Interahamwe e i gruppi armati hutu del Burundi, di essere implicati nelle uccisioni di Tutsi / Banyamulenge, di aver aiutato i rifugiati in fuga o di sostenere il regime del Presidente Mobutu. Dopo l’ascesa al potere a Kinshasa del presidente Laurent-Désiré Kabila, le forze di sicurezza del nuovo regime avrebbero commesso gravi violazioni dei diritti umani contro dei civili considerati come ostili al nuovo regime e alla presenza dei soldati dell’APR in territorio congolese.

 

1. Nord Kivu

Città di Goma

270. Il 29 ottobre 1996, dopo aver preso il controllo del campo militare di Rumangabo, tra Goma e Rutshuru, presso il confine con il Ruanda, le truppe del AFDL / APR lanciato l’attacco su Goma.

In questo contesto, il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Tra il 29 ottobre e l’1 novembre 1996, i combattimenti per il controllo di Goma, hanno causato la morte di un numero imprecisato di civili. Durante gli scontri, i soldati delle FAZ hanno commesso numerosi atti di saccheggio.

– Dopo la caduta di Goma, il 1 ° novembre 1996, le truppe del AFDL / APR hanno ucciso o fatto sparire un numero imprecisato di civili, tra cui molti membri influenti della comunità Banyarwanda hutu. Hanno ucciso anche vari militari delle FAZ che non erano in grado di combattere, compresi dei soldati ricoverati presso l’Ospedale Generale di Goma. Durante la settimana dal 2 al 9 novembre, il gruppo di emergenza della biodiversità (EUB) ha raccolto 776 cadaveri abbandonati per le strade della città. Inoltre, le truppe dell’AFDL / APR hanno sistematicamente saccheggiato la città, incluso i depositi e gli uffici delle organizzazioni umanitarie e degli organismi delle Nazioni Unite, come il CICR, il PAM e l’UNHCR.

271. Nonostante la conquista di Goma da parte delle forze del AFDL / APR, gli ex-FAR/Interahamwe del campo di Mugunga sono rimasti ancora attivo nei dintorni della città. Il 3 novembre 1996, hanno saccheggiato i veicoli e le proprietà del seminario maggiore di Buhimba, alla periferia di Goma.

– Il 6 novembre 1996, elementi degli ex-FAR/Interahamwe e uomini armati hanno ucciso tre Zairesi tutsi nel seminario maggiore di Buhimba, non lontano dal campo rifugiati di Mugunga. Le vittime – due sacerdoti e una religiosa – non avevano potuto fuggire dal seminario maggiore durante l’attacco del 3 novembre. Dopo essere rimasti nascosti per tre giorni, sono stati arrestati e uccisi mentre erano andati a cercare acqua e cibo. Una quarta persona, tutsi, ha potuto salvarsi.

 

Territorio di Rutshuru

– Nella notte tra il 5 e il 6 giugno 1996, a Bunagana, un villaggio al confine con l’Uganda, elementi armati identificati come membri del RPA e UPDF hanno ucciso tra 28 e 36 civili, la maggior parte dei Banyarwanda hutu. Secondo alcune fonti, sono stati dei Tutsi di Bunagana ad indicare al commando le case delle persone da uccidere la gente.

272. Le infiltrazioni di militari AFDL / APR nella zona di Bwisha sono iniziate nell’ottobre del 1996. Fin dall’inizio delle infiltrazioni, le truppe dell’ADFL / APR hanno compiuto massacri contro la popolazione civile di Bweza e Rugari. Le vittime erano prevalentemente dei Banyarwanda hutu.

273. I militari dell’ADFL / APR hanno praticamente quasi sempre seguito lo stesso schema. Entrando in una località, ordinavano alla gente, per diversi motivi, di riunirsi insieme. Una volta raggruppati, i civili venivano legati e uccisi con colpi di martello o di zappa sulla testa. Molti testimoni hanno affermato di aver riconosciuto tra l’AFDL / APR dei giovani Banyarwanda tutsi che avevano lasciato il territorio di Rutshuru tra il 1990 e il 1996. Secondo diversi testimoni, i soldati del AFDL / RPA avrebbe massacrato i Banyarwanda hutu con una chiara volontà di vendetta, prendendo di mira quei villaggi in cui i Tutsi erano stati perseguitati in passato. In questo contesto, il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Il 20 ottobre 1996, l’AFDL / APR ha ucciso tra 70 e 150 civili nella località del Musekera, raggruppamento di Bweza, a sud di Rutshuru. Con il pretesto di distribuire cibo e acqua, hanno immediatamente ordinato ai civili, in maggioranza dei Banyarwanda hutu, di radunarsi nella casa del municipio. Dopo essere state rinchiuse nella casa comunale, le vittime sono state legate e uccise a colpi di bastoni. I loro corpi sono poi stati gettati in una latrina.

– Verso il 20 ottobre 1996, l’AFDL / APR ha ucciso decine di civili, prevalentemente dei Banyarwanda hutu nel villaggio di Tanda, vicino Musekera. Le vittime sono state uccise con colpi di martelli e zappe. Prima di ripartire, i soldati hanno bruciato il villaggio.

– Verso il 30 ottobre 1996, l’AFDL / APR ha ucciso oltre 800 persone, tra cui donne e bambini, nei villaggi di Bisoko, Mugwata e Kuri-Ngugo del raggruppamento di Rugari Rugari, territorio di Rutshuru. Nel corso dei giorni precedenti, si erano registrati intensi combattimenti tra l’AFDL/APR e la coalizione delle FAZ / Ex-FAR / Interahamwe nei pressi del campo militare di Rumangabo, situato nei pressi di questi villaggi. Durante i massacri, i militari hanno anche saccheggiato i villaggi.

274. Il 26 ottobre 1996, i soldati dell’AFDL / APR hanno preso Rutshuru, capoluogo del territorio omonimo. Il gruppo Mapping ha documentato il seguente episodio:

– Il 26 ottobre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso un numero imprecisato di civili Banyarwanda hutu nel campo sfollati di Nyongera, a pochi chilometri da Rutshuru. I soldati hanno dapprima circondato il campo e poi hanno aperto il fuoco. Le vittime erano per lo più dei Banyarwanda hutu della collettività di Bwito, territorio di Rutshuru. Vivevano in questo campo da molti anni, a causa del clima di violenza che prevaleva nella collettività di Bwito. Secondo una fonte, tuttavia, il massacro sarebbe stato preceduto da un breve scontro tra i soldati dell’AFDL / APR e gli ex-FAR/Interahamwe.

275. All’ingresso delle truppe del AFDL / APR a Rutshuru, la popolazione dei villaggi circostanti è fuggita verso le colline del raggruppamento di Busanza. Il gruppo Mapping ha documentato il seguente episodio:

– Il 30 ottobre 1996, a Rutshuru-centro, vicino alla casa del parco nazionale Albert “PNA”, l’AFDL / APR ha ucciso, con colpi di martello sulla testa, almeno 350 civili, in maggioranza Banyarwanda hutu. Nei giorni precedenti, i militari avevano chiesto alla popolazione civile che era fuggita dal villaggio di Kiringa, a 1 km da Rutshuru, di tornare a casa, per poter partecipare, il 30 ottobre, ad una grande manifestazione di massa. Dopo essere ritornati al villaggio, gli abitanti di Kiringa sono stati portati a Rutshuru-centro e rinchiusi nella casa del PNA. Nel pomeriggio, i militari hanno identificato e registrato i presenti e hanno chiesto alle persone della tribù Nande di tornare a casa. Poi hanno separato gli uomini dalle donne, con il preteso che queste ultime dovevano andare preparare da mangiare. Le donne sono state condotte presso l’edificio delle Poste, dove sono state uccise. Gli uomini sono stati legati e portati, due per volta, presso una cava di sabbia situata a pochi metri di distanza dalla casa del PNA dove sono stati tutti uccisi a colpi di martello.

276. Nelle settimane seguenti, i militari dell’AFDL / APR hanno commesso numerosi massacri nei villaggi dei raggruppamenti di Busanza, Kisigari e Jomba, a sud e ad est di Rutshuru. Le vittime erano per lo più dei civili Banyarwanda hutu.

In questo contesto, il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Verso la fine di ottobre 1996, l’AFDL / APR ha ucciso tra 30 e 60 persone, per lo più Banyarwanda hutu, nei villaggi di Kashwa e Burayi, nei pressi di Rutshuru. La maggior parte delle vittime sono state legate e poi uccise con mazze o zappe. Alcune vittime sono state fucilate.

– Ancora verso la fine di ottobre 1996, l’AFDL / APR ha ucciso centinaia di civili prevalentemente Banyarwanda hutu, nei villaggi di Mushoro, Biruma, Kabaya e Kazuba del raggruppamento di Kisigari, nel territorio di Rutshuru. I soldati avevano riunito la gente con il pretesto di partecipare a una riunione. La maggior parte delle vittime sono state uccise a colpi di zappe o di mazze sulla testa. Alcuni sono morti rinchiusi nelle loro case date alle fiamme. Altri sono morti dopo essere stati gettati vivi nelle latrine.

– Verso il 29 ottobre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno sequestrato un sacerdote e quattro suore della parrocchia di Jomba, nel territorio di Rutshuru. Le vittime erano tutte Banyarwanda hutu. per L’ultima volta che sono stati visti stavano parlando con dei soldati dell’AFDL / APR. I loro corpi non sono mai stati ritrovati.

– Per diverse settimane tra ottobre e novembre 1996, soldati dell’AFDL / APR hanno arrestato e ucciso un numero imprecisato di civili Banyarwanda hutu in un edificio in cui si era installato il quartiere generale dell’AFDL / APR a Rutshuru centro. Le vittime sono state intercettate presso barriere erette all’entrata di Rutshuru, vicino alle installazioni idroelettriche di Mondo Giusto. I corpi delle vittime sono stati poi gettati nel fiume Fuko.

– Il 18 novembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno massacrato centinaia di Banyarwanda hutu presso il mercato di Mugolo, a 31 km da Rutshuru. Al loro arrivo, i militari avevano annunciato che avrebbero organizzato un incontro per presentare il nuovo capo della città alla popolazione. Dopo aver chiesto alla popolazione non hutu e a quella di Kiwanja di andare via, i soldati hanno aperto il fuoco sulla folla. Alcune vittime sono state colpite con mazze o bastoni sulla testa. Nel 2005, la popolazione di Mugogo ha fornito alla divisione per i diritti dell’uomo della MONUC una lista di 1589 vittime.

– Ai primi di novembre del 1996, soldati dell’AFDL / APR hanno ucciso centinaia di Banyarwanda hutu in un campo dell’Istituto Zairese per la Conservazione della Natura (IZCN) di Kabaraza, situato all’ingresso del Parco Nazionale Virunga, a 20 km da Rutshuru. Le vittime erano Banyarwanda Hutu che erano stati arrestati nel villaggio di Ngwenda, presso la barriera dove i soldati separavano le persone in base alla loro etnia di appartenenza. I militari li avevano condotti al campo dell’IZCN con il pretesto di farli lavorare in un campo di fagioli nel quadro di un lavoro comunitario. Dopo essere arrivati al campo, i soldati li hanno uccisi a colpi di bastoni. Secondo la maggior parte delle fonti, il numero totale delle vittime ammonterebbe a circa 600 persone.

277. Dalla fine del 1996, i soldati dell’AFDL / APR hanno reclutato nuove leve in mezzo alla popolazione congolese. La maggior parte di queste nuove reclute erano dei giovanissimi (EAFGA), comunemente chiamati “Kadogo”, che significa “ragazzi” in swahili. In questo contesto, il gruppo Mapping ha documentato il seguente episodio:

– Alla fine del 1996, militari dell’AFDL / APR hanno reclutato molti minori nei villaggi dei dintorni di Kashwa, raggruppamento di Gisigari, territorio di Rutshuru e in quelli della regione di Ngungu, nel territorio di Masisi. I reclutatori entravano nelle scuole dei villaggi, promettendo ai ragazzi di dare loro cibo o denaro. Hanno reclutato con la forza anche un numero imprecisato di bambini. Alcune reclute avevano appena 10 anni. La maggior parte delle reclute della regione hanno ricevuto un breve addestramento militare nel campo di Matebe, situato nei pressi di Rutshuru centro. Durante la loro permanenza in questo campo, i bambini hanno subito torture e vari trattamenti crudeli, inumani e degradanti. Sono stati vittime di stupri e hanno ricevuto pochissimo cibo. Sono stati poi inviati direttamente al fronte.

– Il 7 maggio 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso oltre 300 civili nei villaggi della località di Chanzerwa, raggruppamento di Binjai. Al loro arrivo nei villaggi, i soldati hanno fatto irruzione nelle case e hanno ucciso un numero imprecisato di civili a colpi di machete. Hanno poi condotto un numero imprecisato di civili arrestati al villaggio di Buhimba. Dopo averli legati e rinchiusi nell’edificio e nel cortile della Chiesa 8ª CEPAC [Comunità delle Chiese Pentecostali in Africa centrale], li hanno uccisi con colpi di zappa sulla testa. Coloro che hanno tentato di fuggire sono stati uccisi. I corpi sono poi stati gettati in una latrina vicino alla chiesa. Le truppe dell’AFDL / APR hanno ucciso indiscriminatamente uomini, donne e bambini. La maggior parte delle vittime erano Banyarwanda HUTU, ma anche molti Nande sono stati massacrati a Buhimba. Secondo alcuni sopravvissuti, i militari dell’AFDL / APR avrebbero ucciso numerosi bambini sbattendo la loro testa contro un muro o un tronco d’albero. In totale, sono state identificate 334 vittime.

– Il 26 maggio 1997, nel villaggio di Vitshumbi, sulle rive del lago Edward, militari dell’AFDL / APR hanno rapito e fatto scomparire almeno 17 civili. Le vittime erano state accusate di aver ucciso un membro dell’AFDL / APR, morto non molto tempo prima, in circostanze poco chiare. Ventidue abitanti sono stati condotti al complesso turistico di Rwindi per un interrogatorio. Cinque di loro sono stati poi rilasciati, ma gli altri non sono più stati visti.

 

Collettività di Bwito

278. Dopo lo smantellamento dei campi rifugiati di Katale e Kahindo, molti rifugiati hutu ruandesi hanno errato per la comunità di Bwito fino a marzo 1997, spesso mescolandosi con la popolazione locale composta principalmente da Banyarwanda hutu.

In questo contesto, il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Poche settimane dopo l’attacco contro il campo dei rifugiati di Katale, alla fine di ottobre del 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso almeno 88 civili, in maggioranza dei Banyarwanda hutu nel villaggio di Tongo, raggruppamento di Rusovu. Dopo aver radunato le persone, i soldati li hanno rinchiusi in una dozzina di case e li hanno uccisi a colpi di mazze e zappe sulla testa. Poi hanno bruciato le case.

– Nel mese di novembre o dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso almeno 200 civili, in maggioranza dei Banyarwanda hutu nel raggruppamento di Bambu, soprattutto nei villaggi di Musanze, Marangara, Kanyangili e Kagando Kishishe. A Kagando, i militari hanno dapprima chiesto agli abitanti di radunarsi per ricevere cibo e sale, poi li hanno rinchiusi per piccoli gruppi in varie case diverse che hanno infine incendiato.

– Ancora nel mese di novembre o dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso 85 civili Banyarwanda hutu nel villaggio di Duane, raggruppamento di Tongo. Dopo essere stati arrestati durante un’operazione di rastrellamento, le vittime sono state legate e rinchiuse in una casa che i militari hanno poi incendiato. Le vittime sono state bruciate vive e i loro cadaveri sono stati sepolti, in piccoli gruppi di quattro o cinque, in fosse comuni.

– Il 31 dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso circa 300 civili, in maggioranza dei Banyarwanda hutu, tra cui donne e bambini nel villaggio di Bukombo del territorio di Rutshuru. Al loro arrivo, i militari avevano chiesto agli abitanti di riunirsi per partecipare a una riunione. Poi li hanno circondati e hanno aperto il fuoco sulla folla. Prima di lasciare il villaggio, i soldati hanno saccheggiato e distrutto le scorte di medicinali e distrutto l’ospedale.

– L’11 marzo 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso decine di civili, in gran parte dei Banyarwanda hutu, tra cui donne e bambini, nel villaggio di Mushababwa, raggruppamento di Bambu. Al loro arrivo, i militari hanno chiesto alla gente di riunirsi per partecipare a una riunione. Poi hanno circondato i civili e hanno aperto il fuoco in modo indiscriminato.

– Il 13 marzo 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso diverse centinaia di persone, la maggior parte dei Banyarwanda hutu, nel villaggio di Kazuba, località di Bukombo. Al loro arrivo nel villaggio, i militari hanno chiesto al pastore della Chiesa avventista di radunare la gente per partecipare a una riunione. I civili che vi si sono recati sono stati fucilati. Altri civili sono morti bruciati vivi nelle loro case incendiate dai militari. Uomini, donne e bambini sono stati uccisi in modo indiscriminato.

– Tra il 12 e 19 aprile 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso oltre un centinaio di civili, tra cui una maggioranza di Banyarwanda hutu, nel villaggio di Kabizo. I militari avevano detto alla gente di radunarsi per partecipare a una riunione. La maggior parte delle vittime sono state uccise a colpi di bastoni sulla testa. I corpi sono stati ammucchiati in case del paese che sono poi state incendiate. Una fonte parla di 157 vittime.

 

Territorio di Masisi

– La sera del 6 novembre 1996, nei villaggi di Tebero e Njango, “elementi armati hutu” hanno aperto il fuoco e lanciato delle granate contro dei camion che trasportavano varie centinaia di civili, in gran parte di origine Nande. Il 7 novembre, nella mattinata, elementi armati hanno massacrato i sopravvissuti, derubato i passeggeri e incendiato i veicoli. Secondo alcune fonti, 760 corpi sarebbero stati sepolti in tre fosse comuni. Le vittime erano partite da Goma il 6 novembre per recarsi nel nord della provincia. Il motivo esatto del massacro non è stato precisato.

– A metà novembre del 1996, degli ex-FAR/Interahamwe hanno ucciso da cinque a undici civili, nel villaggio di Ngungu.

– Il 5 dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso almeno 97 persone nel villaggio di Matanda. La maggior parte delle vittime erano dei rifugiati e dei Banyarwanda hutu.

– Il 7 dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso circa 310 civili, tra cui molte donne e bambini, nel villaggio di Kinigi, territorio di Masisi. I militari avevano accusato la popolazione locale, per lo più dei Banyarwanda hutu, di dare alloggio agli ex-FAR/Interahamwe. Al loro arrivo, tuttavia, gli ex-FAR/Interahamwe avevano già lasciato il villaggio. In un primo momento, i militari hanno cercato di rassicurare la popolazione civile, dicendo che non dovevano temere nulla. Poi hanno chiesto loro di radunarsi in diversi edifici, tra cui la chiesa avventista e la scuola elementare di Rubona, per partecipare a una riunione. Nel pomeriggio, i soldati dell’AFDL / APR si sono recati in questi edifici e hanno ucciso gli abitanti del villaggio a colpi di zappe e machete sulla testa. Hanno ucciso anche dei civili nelle loro case. I corpi sono stati sepolti in varie fosse comuni a Kinigi.

– Il 9 dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso circa 280 civili nel villaggio di Katoyi, a sud-ovest del territorio di Masisi. Al loro arrivo, i militari hanno chiesto al capo tribù di organizzare un incontro con la popolazione. Poi hanno circondato i civili riuniti nel centro del paese, li hanno legati e poi uccisi con dei machete o a colpi di ascia. Coloro che hanno cercato di scappare sono stati uccisi a colpi di fucile. Tra le vittime c’erano donne, bambini e rifugiati ruandesi.

– Circa il 23 dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso oltre 460 civili Banyarwanda hutu, per lo più uomini, nel villaggio di Kaus, vicino alla località di Nyamitaba. Al loro arrivo, i soldati hanno detto stavano cercando solo gli Interahamwe e che erano venuti per riconciliare le comunità. Hanno detto alla gente di radunarsi nella piazza del paese per partecipare a una riunione. Poi hanno sparato in alto e legato i civili. Alcuni sono stati rinchiusi in delle case, altri sono stati condotti nei campi intorno al villaggio. Altri ancora sono stati portati sulla collina Kanyabihanga. Le vittime sono state uccise in gran parte a colpi di mazze. Coloro che hanno cercato di scappare sono stati fucilati. Dopo il massacro, i soldati hanno violentato molte donne. Tra le vittime, c’erano donne, bambini e i sopravvissuti del campo dei rifugiati ruandesi di Mugugna.

– Il 24 o 25 dicembre 1996, militari dell’AFDL / APR provenienti da Kilolirwe hanno ucciso circa 160 civili nella parrocchia di Nyakariba, nel territorio di Masisi. Arrivati nel villaggio, i soldati hanno ordinato alle popolazioni di Nyamitaba e Nyakariba di radunarsi presso la parrocchia di Nyakariba per partecipare a una riunione. Le vittime sono state legate, poi uccise a colpi di martelli sulla testa. Coloro che hanno cercato di scappare sono stati fucilati. Nel corso dell’attacco, è stato ucciso almeno un sacerdote. I corpi delle vittime sono stati gettati in varie fosse comuni nelle vicinanze del dispensario, della parrocchia e di un altro luogo detto Campo Nord. Nel 1997, militari dell’AFDL / APR sono ritornati per dissotterrare le ossa, una parte delle quali sono state bruciate sul posto.

– A partire dalla fine del 1996 e nei mesi successivi, militari dell’AFDL / APR stanziati sulla collina di Mufunzi hanno rapito e ucciso un numero imprecisato di civili dei dintorni di Ngungu. I soldati hanno arrestato i civili sospettati di collaborare con le milizie hutu che sorvegliavano le barriere erette sulle strade principali. Inoltre, hanno anche condotto attacchi generalizzati contro i villaggi di Ngungu, Murami, Kashovu, Karangara, Mumba, Kibabi e Nyambisi. Secondo fonti diverse, il numero delle vittime varia tra una decina e varie centinaia. Gli abitanti del luogo hanno dato alla collina di Mufunzi il nome di Nyabihanga, che significa “luogo dei teschi” in kinyarwanda.

– Fine dicembre 1996, i soldati dell’AFDL / APR hanno ucciso tra 16 e 22 persone e incendiato varie case nel villaggio di Muheto, a 10 chilometri da Nyakariba. All’inizio del 1997, sono ritornati a Muheto, dove hanno ucciso 16 civili.

– Il 9 gennaio 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso tra 107 e 134 civili, nel villaggio di Bitonga del territorio di Masisi. Arrivati la mattina presto nel villaggio, i militari hanno accusato la popolazione locale, per lo più dei Banyarwanda hutu, di collaborare con gli ex-FAR/Interahamwe. I soldati hanno poi aperto il fuoco e lanciato granate contro i civili.

– Verso il 20 Gennaio 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso 14 membri di una famiglia, bambini compresi, in una casa del villaggio di Kanyangote, vicino alla parrocchia di Matanda.

– Il 25 gennaio 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso almeno 20 civili Banyarwanda hutu nel villaggio di Kalangala. I soldati avevano detto agli abitanti di radunarsi per partecipare a una riunione. Poi li hanno circondati e hanno aperto il fuoco.

– Il 23 febbraio 1997, durante operazioni militari contro elementi armati Hutu attivi nella zona, i soldati del AFDL / APR hanno ucciso oltre un centinaio di civili, la maggior parte dei Banyarwanda hutu, nel villaggio di Rubaya. Alcune vittime sono state fucilate, altre uccise con machete e altre ancora sono morte bruciate vive nelle loro case. Tra le vittime, molte donne e bambini.

– Verso il 23 febbraio 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso un numero imprecisato di civili nel villaggio di Nambi. I soldati sono arrivati al villaggio e si sono diretti al mercato per i bovini, dove hanno accusato alcuni civili di avere rubato delle mucche. Poi hanno sequestrato 30-50 civili. Alla sera, si sono sentiti alcuni spari e il giorno dopo, sulla collina di Kayonde sono stati trovati 15 corpi, compresi quelli di due donne. I corpi delle altre vittime non sono mai stati finora recuperati.

– Nell’aprile 1997, militari dell’AFDL / APR provenienti da Mushake, Kilolirwe e Ruvunda hanno ucciso un numero imprecisato di civili nel villaggio di Chandarama. Le vittime sono state fucilate o uccise a colpi di zappe. Secondo una fonte, sarebbero stati massacrati solo gli uomini. La popolazione dei villaggi, di cui le vittime erano originarie, hanno sepolto i corpi in vari posti, per lo più situati vicino al fiume Kinyabibuga.

– Verso il 16 aprile 1997, militari dell’AFDL / APR hanno massacrato centinaia di civili a Mweso. Le vittime, in maggioranza dei Banyarwanda hutu, si stavano recando al mercato di Kabizo, quando i militari stanziati sulla collina di Kilumbu, hanno loro detto di partecipare a una riunione pubblica. Alcune vittime sono state fucilate e altre sono state bruciate vive in una casa. Molti corpi sono stati gettati nel fiume Mweso. Altri sono stati sepolti in una fossa comune dietro la parrocchia di Mweso.

– Il 9 luglio 1997, militari delle FAC / APR hanno ucciso 17 civili e saccheggiato il villaggio di Ruzirantaka. I soldati erano andati a saccheggiare la casa del direttore della scuola, ma durante il saccheggio è scoppiata una discussione e un soldato delle FAC / APR è stato ucciso. Per nascondere questo decesso ai loro superiori, i militari hanno deciso di creare un incidente e hanno ucciso 16 abitanti del villaggio.

– Il 12 luglio 1997, una coalizione di Mayi-Mayi, elementi armati hutu e membri di gruppi di autodifesa hanno ucciso tra sette e 20 persone, per lo più dei Banyarwanda tutsi, nel villaggio di Ngungu. Dopo il massacro, militari delle FAC / APR hanno attaccato e distrutto i villaggi di Katovu, Ufamando, Musongati, Kabingo, Rubaya, Kanyenzuki, Kibabi e Ngungu. Il numero esatto di vittime rimane ancora sconosciuto.

– Verso agosto 1997, militari delle FAC / APR hanno bruciato vivi varie centinaia di civili, prevalentemente dei Banyarwanda hutu, nel villaggio di Mushangwe. Dopo aver ordinato alla popolazione locale di radunarsi in un edificio per partecipare a una riunione, i militari dell’AFDL / APR hanno appiccato il fuoco all’edificio.

279. Dopo l’arrivo al potere a Kinshasa del presidente Laurent Kabila, l’alleanza tra l’AFDL / APR e i Mayi-Mayi Hunde si è rapidamente frantumata. Accusando il nuovo governo di emarginarli all’interno del nuovo esercito e non accettando che i soldati dell’APR rimanessero in modo permanente nelle due province del Kivu, molti gruppi Mayi-Mayi hanno ripreso la lotta armata. Il 22 luglio 1997, intensi combattimenti sono scoppiati nel villaggio di Katale, a 12 km da Masisi dove l’AFDL / APR aveva installato un campo militare. Il 29 luglio, soldati delle FAC / APR hanno ricevuto dei rinforzi da Goma e hanno lanciato un’operazione di rastrellamento intorno a Masisi. Durante questa operazione, hanno commesso numerose atrocità contro i civili, soprattutto Hunde, accusati di sostenere i Mayi-Mayi. Il gruppo Mapping ha registrato il seguente episodio:

– Il 29 luglio 1997, militari delle FAC / APR provenienti dal campo militare di Katale hanno ucciso cinquanta civili, tra cui donne e bambini, nelle piantagioni di banane e nei campi circostanti il villaggio di Mutiri, nei pressi di Masisi. Tra le vittime che erano riuscite a fuggire dal villaggio dopo l’arrivo dei militari, alcune sono state raggiunte, legate e fucilate, altre sono state uccise a colpi di mazze sulla testa. Altre uccisioni hanno avuto luogo nei villaggi circostanti, come Kiterire. I soldati si sono poi recati a Nyabiondo, a 19 km da Masisi. Lungo la strada, hanno ucciso decine di civili e hanno saccheggiato e bruciato almeno una dozzina di villaggi, tra cui Kanii, Masisi, Bulwa, Buabo, Bangabo, Kihuma, Luashi, Bukombo, Kamarambo e Kinyanguto.

 

Territorio di Nyiragongo (Piccolo Nord)

280. Il territorio di Nyiragongo è il più piccolo della provincia del Nord Kivu e si trova tra la città di Goma e il vulcano Nyiragongo. Sulla strada tra Goma e Rutshuru, c’era un campo di rifugiati. Da metà ottobre 1996, alcuni soldati dell’AFDL / APR si erano stabiliti in una piccola striscia di terra del parco nazionale di Virunga, situata tra il villaggio di Rugari, in territorio di Rutshuru e il villaggio di Kibumba nel territorio, in territorio di di Nyiragongo. In questo contesto, il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Verso il 19 ottobre 1996, uomini non identificati ma armati di fucili e granate hanno ucciso almeno un centinaio di persone tra i villaggi di Rugari e di Kibumba. Le vittime sono state uccise in una serie di attacchi perpetrati contro dei veicoli sulla strada Goma-Rutshuru.

– Il 12 aprile 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso almeno 33 persone nei villaggi di Kanyati e Mudja. Al momento del loro arrivo a Kanyati, i militari hanno chiesto alla gente di seguirli per aiutarli a cercare gli Interahamwe. Lungo la strada, hanno ordinato ai civili di sdraiarsi per terra e hanno aperto il fuoco, uccidendo 23 persone. Nel pomeriggio, sono entrati a Mudja e hanno aperto il fuoco sulla gente, uccidendo dieci civili e ferendone quattro. I soldati avevano accusato la gente di Mudja di barattare cibo per carbone con gli Interahamwe attivi nelle vicinanze di Goma.

 

Territori di Beni e di Lubero (Gran Nord)

281. Nel 1997 e nel 1998, i soldati dell’AFDL che, a partire da giugno 1997, hanno preso il nome di Forze Armate Congolesi (FAC) e dell’APR hanno commesso dei massacri anche nei territori di Beni e di Lubero. Come il 95% della popolazione locale è Nande e dato che solo pochi rifugiati hanno cercato di fuggire attraverso questi due territori, i massacri hanno avuto una logica diversa da quella osservata nel Masisi e Rutshuru. I maggiori massacri hanno avuto luogo nel 1997, dopo il crollo dell’alleanza tra l’AFDL / APR e i numerosi gruppi locali dei Mayi-Mayi. Denunciando la costante interferenza ruandese nella regione e i brutali metodi usati dai soldati dell’AFDL / APR contro i rifugiati e la gente locale, molti gruppi di Mayi-Mayi ne hanno preso le distanze e sono entrati in conflitto con loro. Come reazione, i membri dell’AFDL / APR hanno condotto diversi attacchi contro la popolazione sospettata di collaborare con i gruppi Mayi-Mayi.

In questo contesto il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Il 6 gennaio 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso 184 persone e bruciato il villaggio di Kyavinyonge, nel territorio di Beni. I soldati, provenienti da Butembo, erano alla ricerca di Mayi-Mayi che, originari di Kasindi, avevano posto una delle loro roccaforti a Kyavinyonge. Dopo aver cacciato i Mayi-Mayi da Kyavinyonge, i militari hanno ordinato ad alcuni civili di uscire dalle loro case e li hanno fucilati. Hanno poi lanciato delle granate contro le case, causando molte vittime. I corpi delle vittime sono stati sepolti in diverse fosse comuni situate nel villaggio.

– All’inizio di gennaio 1998, dei soldati delle FAC / APR hanno ucciso un numero imprecisato di persone nel villaggio di Kyavinyonge. I militari erano venuti a Kyavinyonge per cacciare i Mayi-Mayi. Durante l’operazione, hanno ucciso dei civili e saccheggiato le case.

– Il 20 febbraio 1998, nel corso di un’operazione di rastrellamento nella città di Butembo, soldati delle FAC / APR hanno ucciso e violentato un numero imprecisato di civili e hanno saccheggiato molte case. Le vittime erano accusate di collaborazionismo con i Mayi-Mayi Vurondo che avevano attaccato il campo delle FAC / APR situato sulla collina di Kikyo, vicino al centro di Butembo.

– Dal 14 al 17 aprile 1998, nei villaggi alla periferia di Butembo, militari delle FAC / APR hanno ucciso centinaia di civili, hanno commesso numerosi stupri ed effettuato molti arresti arbitrari. Alcune fonti parlano di 300 vittime. Le FAC / APR avevano accusato le vittime di sostenere i Mayi-Mayi, autori di un precedente attacco contro la loro base militare di Butembo. L’operazione di rastrellamento è durata diversi giorni. Alcune vittime sono state fucilate nelle loro case, altre sono state inviate al campo militare di Kikyo, dove sono state fucilate o schiacciate da una jeep o sepolte vive. Durante il rastrellamento, i soldati sono passati di casa in casa alla ricerca dei Mayi-Mayi. Hanno violentato decine di donne nelle loro case. In diverse occasioni, hanno costretto gli uomini a stuprare le loro sorelle e / o le loro figlie.

– Tra il 1996 e il 1998, nel territorio di Lubero, i Mayi-Mayi “di Kasindi” hanno reclutato con la forza molti bambini e adulti. Dopo la morte del loro comandante, una parte di questo gruppo ha preso il nome di Mayi-Mayi Vurondo. Alcuni minori, molti dei quali non avevano più di 11 anni, sono stati reclutati nelle scuole, su base volontaria promettendo loro una somma di denaro. Altri, invece, sono stati sequestrati e reclutati con la forza. Dopo essere stati arruolati, i bambini sono stati sottoposti a cerimonie di iniziazione segreta. Per assicurare il loro legame con il gruppo, venivano anche tatuati. I minori vivevano in condizioni spaventose e sono stati sottoposti ad un regime di terrore.

 

2. Sud Kivu

282. Durante la loro conquista del Sud Kivu, “elementi armati Banyamulenge / Tutsi”, dei militari dell’AFDL, dell’APR e delle FAB hanno commesso gravi violazioni dei diritti umani perpetrate contro dei civili zairesi considerati come ostili alla comunità tutsi / Banyamulenge locale o conniventi con i loro nemici (le FAZ, gli ex-FAR/Interahamwe, i gruppi armati hutu del Burundi, gli “elementi armati Bembe” e i gruppi Mayi-Mayi in generale).

In questo contesto il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Il 12 settembre 1996, “elementi armati Banyamulenge / Tutsi” hanno ucciso nove civili a Kanyura e Makutano nel settore di Itombwe, territorio di Mwenga.

– Il 6 ottobre 1996, “elementi armati Banyamulenge / Tutsi” hanno ucciso più di cinquanta persone nel villaggio di Kidote, a 2 km da Lemera, nel territorio di Uvira. Le vittime erano per lo più civili. Alcune vittime sono state giustiziate dopo essere state costrette a scavare le fosse comuni dove i loro corpi sono poi stati gettati.

– Il 6 ottobre 1996, all’ospedale del villaggio di Lemera, a 80 chilometri a nord-ovest di Uvira “elementi armati Banyamulenge / Tutsi” hanno ucciso 37 persone, tra cui due membri del personale medico, dei civili e dei soldati delle FAZ che si trovavano in cura presso l’ospedale. Prima di lasciare Lemera, gli “elementi armati Banyamulenge / Tutsi” hanno saccheggiato l’ospedale.

– Il 18 ottobre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso almeno 88 civili nel villaggio di Kiliba, a 13 chilometri a nord della città di Uvira. Prima di partire, i soldati hanno saccheggiato anche il villaggio. Delle 88 vittime identificate dalla Croce Rossa, 15 sono state sepolte a Uvira.

– Il 18 ottobre 1996, nel territorio di Uvira, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso almeno 51 civili nel villaggio di Bwegera, raggruppamento di Kakamba, nella pianura del Ruzizi. La Croce Rossa ha sepolto i corpi in fosse comuni.

– Il 25 ottobre 1996, durante la conquista di Uvira, militari dell’AFDL / APR / FAB hanno indiscriminatamente ucciso centinaia di persone, tra cui dei rifugiati e dei civili zairesi accusati di appartenere a gruppi Mayi Mayi.

283. Da Uvira, i militari dell’AFDL / APR / FAB sono penetrati all’interno del territorio di Fizi.

In questo contesto il gruppo Mapping Task ha documentato i seguenti episodi:

– Alla fine di ottobre del 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso 27 civili, soprattutto donne e bambini, nel villaggio di Mboko, a 52 km a sud di Uvira, territorio Fizi. Le vittime stavano cercando di attraversare il lago Tanganika con piroghe per raggiungere la Tanzania. Alcuni sono stati fucilati, altri sono annegati nel lago.

– Il 28 Ottobre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso 101 civili zairesi nel villaggio di Abala-Ngulube, vicino a Minembwe, nel territorio di Fizi. Le vittime erano dei Bembe, membri della Terza Chiesa Malikia wa Ubembe. Alcune delle vittime sono state bruciate vive nella chiesa. Pochi giorni prima dell’attacco, “elementi armati Bembe” avevano ucciso due soldati dell’AFDL / APR in un’imboscata nei pressi di Abala-Ngulube.

– Nella seconda metà di ottobre 1996, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso 130 civili nella località di Kaziba, a 53 km a sud ovest di Bukavu, nel territorio di Walungu. Il 16 ottobre, hanno ucciso 36 civili nel centro commerciale Kaziba. I corpi delle vittime sono stati sepolti a Kaziba, in una fossa comune. Poco dopo, i militari hanno ucciso decine di civili con lance e machete, nel quartiere di Namushuaga / Lukube. In seguito, hanno ucciso almeno 11 civili nel quartiere di Cihumba, dove si erano rifugiate molte persone. I soldati hanno anche saccheggiato l’ospedale, dei negozi, molte case e la piccola centrale idroelettrica.

– Durante i combattimenti per la presa di Bukavu, il 29 e 30 ottobre 1996, i militari dell’AFDL / APR hanno ucciso oltre 450 civili. Il 29 ottobre, hanno sparato con armi pesanti sulla città, uccidendo indiscriminatamente civili e soldati. Dopo la partenza delle FAZ, hanno aperto il fuoco sulla popolazione che cercava di scappare. Hanno ucciso molti civili, tra cui l’arcivescovo della Chiesa cattolica, il vescovo Munzihirwa, ucciso nella sua auto insieme al suo autista e la guardia del corpo. A partire dal 30 ottobre, i militari hanno proceduto a una perquisizione sistematica delle case, uccidendo e torturando decine di persone, civili e militari.

– Il 14 marzo 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso nove civili, tra cui un bambino, con coltelli e a colpi di machete nella concessione del progetto VIPAM, a Lwana, a 101 km a nord ovest di Bukavu, nel territorio di Kalehe. Le vittime erano originarie dei territori di Shabunda e Kabare e lavoravano per il progetto. Erano accusati di aiutare i rifugiati Hutu nella loro fuga.

– Il 26 maggio 1997, a Uvira, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso 126 civili che partecipavano ad una manifestazione organizzata per protestare contro l’uccisione di otto persone da parte di uomini armati sospettati di appartenere alle nuove forze di sicurezza del regime dell’AFDL.

– Nel luglio 1997, i soldati delle FAC/APR hanno massacrato tra 500 e 800 persone nei villaggi di Kazumba, Talama, Mukungu e Kabanga, situati tra le province del Katanga e del Sud Kivu. Il massacro è stato commesso in rappresaglia per l’attacco condotto da elementi della milizia “Jeshi la Jua” (“Esercito del Sole”) in cui era morto un militare delle FAC / APR

– Nella notte dal 22 al 23 dicembre 1997, i soldati delle FAC / APR hanno ucciso 22 civili presso il centro commerciale di Bulambika, a Bunyakiri, territorio di Kalehe. Le vittime erano accusate di sostenere i Mayi-Mayi che in precedenza avevano occupato il villaggio.

 

3. Kinshasa

299. Nei giorni successivi alla conquista di Kinshasa (17 maggio 1997), le truppe dell’AFDL / APR e i loro alleati hanno commesso massacri, torture e stupri. Tra il 18 e il 22 maggio 1997, a Kinshasa e dintorni, i gruppi dei volontari della Croce Rossa Nazionale hanno recuperato tra 228 e 318 cadaveri. Sono stati particolarmente presi di mira i soldati della DSP e gli ex dignitari del regime di Mobutu. Anche semplici civili sono stati vittime di gravi violazioni. Molte persone sono state arrestate e detenute arbitrariamente.

In questo contesto il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Tra maggio e giugno 1997, militari dell’AFDL / APR hanno ucciso un numero imprecisato di militari delle ex-FAZ e di politici dell’opposizione detenuti nell’edificio GLM (Groupe Litho Moboti). Ogni notte molte persone venivano prelevate dalla prigione e portate in riva al fiume, dove venivano giustiziati e i loro corpi gettati in acqua. Queste operazioni hanno preso fine in seguito alle proteste di organizzazioni per la difesa dei diritti umani, avvertite dai pescatori locali che tutti i giorni vedevano i cadaveri venire alla superficie.

– Nei mesi di giugno e luglio 1997, militari delle FAC / APR hanno arrestato e torturato un numero imprecisato di persone detenute nelle prigioni dei campi Kokolo e Tshatshi. Molti prigionieri sono morti a causa di maltrattamenti, malnutrizione, scarsa igiene e mancanza di cure mediche.

– A partire dal novembre 1997, almeno 24 feriti di guerra, appartenenti alle ex FAR, sono stati dati ufficialmente per dispersi, probabilmente uccisi da militari delle FAC / APR in data imprecisata.

– A partire dalla presa della capitale, Kinshasa, militari delle FAC / APR, specialmente numerosi Kadogo, hanno adottato, come metodi di sanzione, dei trattamenti crudeli, inumani e degradanti, come le fustigazioni pubbliche. Molti civili sono morti a causa di emorragie interne causate dalle frustate ricevute sul ventre.

300. A partire dal giugno 1997, l’alta gerarchia militare del nuovo regime ha inviato i militari delle ex FAZ nella base militare di Kitona, nel Bas-Congo, per frequentare corsi di “rieducazione ideologica”. Sin dalla partenza degli ex-FAZ per Kitona, militari delle FAC / APR sono entrati nei campi dove erano alloggiati i soldati dell’anteriore regime.

In questo contesto il gruppo Mapping ha documentato i seguenti episodi:

– Nei campi militari di CETA [Centro di formazione delle forze aeree] e di Tshatshi, militari delle FAC / APR hanno violentato un certo numero di mogli e figlie (a volte minorenni) dei militari delle ex FAZ partiti per Kitona. Hanno costretto alcune vittime a vivere in concubinato con loro e a svolgere lavori domestici.

– Al campo Kokolo, militari delle FAC / APR hanno violentato un certo numero di mogli e figlie di soldati delle ex FAZ partiti per Kitona e varie donne arrestate a caso in città. Molti stupri collettivi si sono svolti nella zona del campo chiamata “Campo Americano”. Una ragazza è stata violentata da diversi soldati e poi torturata; i militari hanno versato cera bollente sui suoi genitali e su tutto il suo corpo.

– A Kinshasa, militari dell’AFDL / APR hanno violentato e picchiato un gran numero di donne, molte delle quali erano prostitute.

302. In seguito alla decisione del presidente Kabila di vietare le attività dei partiti politici, le forze di sicurezza del nuovo regime, hanno preso di mira i leader e gli attivisti dei principali partiti di opposizione (Palu, UDPS, …). Durante la repressione, le donne che erano in contatto con gli avversari politici detenuti sono state spesso vittime di stupri.