Lug 07

La marcia della pace per il Congo lungo la via Francigena

Roma (Agenzia Fides) – “Occorre conoscere la propria storia per evitare che si ripetano gli stessi crimini” dice all’Agenzia Fides John Mpaliza, un congolese originario di Bukavu (Kivu, nell’est della Repubblica Democratica del Congo-RDC) e residente in Italia da 17 anni, che sta effettuando una marcia per la Pace per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sul dramma congolese.

Mpaliza specializzato in informatica presso l’università di Parma, risiede attualmente a Reggio Emilia, dove lavora presso l’amministrazione provinciale. L’anno scorso ha fatto il cammino di Santiago de Compostela attraverso la Spagna e ha avuto la possibilità di parlare con molti pellegrini sulla situazione del Congo.

Quest’anno ha voluto fare il cammino della “Francigena”, partendo da Reggio Emilia, passando per Parma, La Spezia, Pisa, Livorno, per arrivare, sempre a piedi, a Roma. L’obiettivo della marcia è lo stesso: sensibilizzare, lungo il percorso, gruppi e istituzioni sulla situazione attuale del Congo.

Come cittadino congolese mi sono detto che dovevo informare l’opinione pubblica su quello che succede nel mio Paese. Visto che mi piace camminare, ho pensato di fare il pellegrinaggio di Santiago di Compostela, avvicinando, con la massima cortesia, gli altri pellegrini, cercando di spiegare loro il dramma della RDC – dice Mpaliza -. Avevo con me una telecamera con la quale ho registrato i commenti dei pellegrini che ho incontrato. Sono tornato da Santiago con 300 messaggi di pace, videoregistrati in 17 lingue, di 30 Paesi”.

L’anno scorso – ricorda Mpaliza – l’ONU ha pubblicato il rapporto Mapping nel quale si afferma che nella RDC sono stati commessi gravissimi crimini di guerra con più di 5 milioni di morti. Questo rapporto documenta il periodo dal 1993 al 2003, ma si è continuato a combattere fino al 2009, mentre nell’est del Paese si commettono ancora gravi violenze, basti pensare al dramma degli stupri di guerra. Fatti di cui nessuno sembra interessato a parlare”.

Quest’anno – prosegue Mpaliza – ho pensato di incamminarmi per Roma, portando con me i messaggi e i dossier preparati insieme ai congolesi che vivono in Emilia Romagna oltre al rapporto Mapping dell’ONU per consegnarli alle amministrazioni locali ed alle associazioni che trovo lungo il cammino. Sto camminando lungo la via Francigena, e lungo il percorso faccio tappa in diverse località dove sono programmati degli incontri con le autorità e la popolazione locale. Vedo persone stupite dall’enormità della tragedia congolese che però mi pongono delle domande, segno che c’è un interesse da parte loro”. 

Fonte: Agenzia Fides – 05.07.2011 –  http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=36770&lan=ita